Rischi

Esistono diverse tipologie di rischi che possono interessare l’ambito comunale provocando danni di diversa entità alla popolazione, alle attività socio-economiche, alle infrastrutture e al territorio.

Tali tipologie di rischio possono essere dovute sia ad eventi di tipo naturale che ad eventi causati dall’uomo.

Gli eventi si possono inoltre distinguere sulla base della prevedibilità in due tipi: prevedibili e non prevedibili. I primi sono solitamente preceduti da segnali precursori, ovvero da fenomeni naturali tenuti sotto costante monitoraggio, che ne annunciano l’accadimento, come succede ad esempio per un evento meteorologico o un’alluvione. Per i secondi, eventi non prevedibili, l’avvicinarsi dell’evento non è preceduto da alcun fenomeno che ne consenta la previsione oppure i precursori sono temporalmente così ravvicinati all’evento che non si possono attuare misure preventive, come accade nel caso degli incendi, dell’incidente industriale o per il trasporto di merci e sostanze pericolose.

I rischi i cui effetti potrebbero interessare il Comune di Monteroni sono i seguenti:

Non vengono invece trattati i rischi derivanti da eventi che raramente o addirittura che mai si potrebbero verificare sul territorio comunale (come: terremoti, eruzioni vulcaniche, frane, valanghe, ecc.) o altri che non sono di competenza specifica della pianificazione di Protezione Civile (come ad esempio gli attentati, etc.).

Per quanto riguarda le emergenze di tipo sanitario la struttura comunale di Protezione Civile mantiene i contatti e si coordina con l’ASL ed i Servizi Sociali per lo svolgimento delle attività di intervento e di soccorso alla popolazione, per la messa in sicurezza delle persone a rischio, in particolare delle categorie deboli (disabili, anziani, bambini, persone affette da patologie croniche etc.). I contatti ed il coordinamento con l’ASL vengono mantenuti sia in tempo di pace, per l’attività di prevenzione, sia durante il tempo di emergenza, per il verificarsi di eventi calamitosi in seguito ai quali potrebbero diffondersi più facilmente malattie ed epidemie, ed inoltre anche nel caso di segnalazione di casi di malattie particolarmente infettive (ad es. la diffusione di nuovi ceppi influenzali etc.).